Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Informativa sui cookies

Categoria: Romanzi - Racconti
Editore: Vallardi
Biblioteca: Scuola Secondaria di I grado
N° catalogo: R 142

Recensione

 Il libro narra di un ragazzino maremmano che aveva allevato nella propria fattoria un puledro fin dalla nascita, diventato poi un ottimo e versatile cavallo, da lui chiamato Albino dal nome del torrente Albinia che scorre nei pressi della fattoria in cui viveva. Questo cavallo, alla vigilia della II guerra mondiale fu selezionato per servire nel Savoia Cavalleria. Il ragazzo che lo aveva allevato ed addestrato, dopo essersi disperato, tentò invano di arruolarsi per restare vicino all'animale ma non potè arruolarsi a causa dell'età. Il cavallo partì con il reggimento per la Russia e partecipò alla carica di Isbuscenski, ultima carica di cavalleria della storia. La carica fu vittoriosa ma il fantino di Albino morì nella mischia. Seguì la ritirata di Russia. Di Albino furono perse le traccie salvo che seppe ritrovare la strada di casa.